Guggenheim ad Helsinki?! No, grazie.

Da alcuni mesi c’è un gran dibattito attorno alla candidatura di Helsinki come potenziale prossima città (dopo Bilbao, Venezia, Berlino e Abu Dhabi) che ospiterà un museo Guggenheim.
Il progetto, fortemente voluto (pubblicamente) dal sindaco di Helsinki Jussi Pajunen (ovviamente ci saranno alcune ditte interessate al progetto che fanno lobbying, di cui però non ho i nomi), ha trovato anche l’approvazione da parte della fondazione Guggenheim. Il nuovo museo (come tutti i progetti del mondo…guarda caso) porterà tantissimi introiti, più visitatori, più turisti…le solite affermazioni da propaganda insomma. Nulla di nuovo su questo fronte, nessuna differenza con l’Italia (Roma2020 per esempio…)

Tutto bene quindi?!
Nemmeno per sogno!

Ai cittadini di Helsinki proprio non va giù questo progetto. Tant’è che, secondo un sondaggio, il 75% dei residenti di Helsinki sono contrari al progetto. La loro ostilità non é dovuta perché abbiamo particolari antipatie contro Guggenheim, ma non vogliono proprio accollarsi la gran parte delle spese di costruzione!
L’idea della cittadinanza verso i politici della città è chiara e netta : volete costruire il Guggenheim?! Perfetto, fatelo solo con soldi privati (o quasi totalmente finanziati da privati). Se invece il progetto deve essere finanziato da soldi pubblici, allora il Guggenheim non s’ha da fare! Perché? Le ragioni sono principalmente due :

    1) Il museo Guggenheim è unbrand talmente forte che rischierebbe di devastare l’equilibrio degli altri musei finlandesi con una drammatica diminuzione di visitatori e conseguente perdita di posti di lavoro.
    2) Il museo Guggenheim non garantisce in alcun modo una particolare attenzione per l’arte finlandese a al proposito, l’artista J.P. Väisänen ha dichiarato :
    “il museo Guggenheim è importante per l’arte finlandese come le patatine fritte di McDonald’s lo sono per la cucina finlandese”

Di contro, la giunta comunale di Helsinki risponde che l’impatto del nuovo museo nei confronti degli esistente è ancora tutto da valutare, che i cittadini sono sempre riluttanti ai cambiamenti e che Helsinki deve proiettarsi in una dimensione globale e non locale (tutte cose nuovissime e mai sentite pronunciare da politici! nevvero?). 🙂

Comunque, resta il fatto che la partita è ancora aperta e una decisione definitiva deve essere presa dal comune entro fine Aprile. Tra un mese sapremo, se il volere popolare sarà rispettato o se i poteri forti di Helsinki riusciranno ad avere la meglio.

La mia sensazione è che il progetto verrà accettato, con coseguenti proteste. Vedremo. Un mese. Vi aggiornerò!

PS: Una interessante nota, il “fronte popolare” contro il Guggenheim, non si è limitato solo a spiegare i motivi del no, ma ha anche avanzato una contro-proposta. In pratica, con lo stesso budget di soldi pubblici destinati al Guggenheim e nella stessa area dove dovrà sorgere il nuovo museo, propongono di costruire una nuova biblioteca. Il progetto della nuova biblioteca riscuote quasi l’ 80% di consensi tra cittadini di Helsinki, in quanto sarebbe un progetto utile alla cittadinanza e non un progetto utile a far felici i turisti.

Nella foto qui sotto, in rosso è segnata l’area dove dovrebbe sorgere il Guggenheim museum.

Advertisements

3 Comments

Filed under Life

3 responses to “Guggenheim ad Helsinki?! No, grazie.

  1. terry

    mi piacerebbe scambiare 4 chiacchiere…se vuoi contattarmi t ho inviato il mio indirizzo Msn…grazie,ciao

  2. Pingback: Welcome to Finland | Snippets of Suomi

  3. Pingback: Helsinki Eye? | Snippets of Suomi

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s